Piastre per Capelli e Capelli Bagnati – Informazioni Utili

A molti sarà venuto in mente di passare la piastra sui capelli bagnati, magari per la fretta di dovere uscire di casa a causa di un impegno improvviso o magari solo per la pigrizia di dovere aspettare che la chioma si asciughi in maniera naturale o di svolgere la regolare ma molto lunga piega con il phon.

Chiunque l’abbia fatto almeno una volta, avrà sicuramente notato del fumo uscire dai capelli, probabilmente accompagnato da una strana puzza. I capelli forse si saranno lisciati improvvisamente, somigliando più a delle sogliole essiccate piuttosto che a dei folti e morbidi capelli. Ciò capita a causa dello sbalzo termico.

Quando si usa il phon, questo elettrodomestico non arriva a toccare i 200 gradi a cui invece normalmente lavora la piastra, tanto che il phon provoca un leggero fastidio alla pelle che si trova sotto il getto, non brucia all’istante con la successiva comparsi di ferite e bolle come succede invece con la piastra. La piastra, infatti, a causa delle sue alte temperature e del suo diretto contatto con i capelli, a differenza del phon che invece viene posto a una certa distanza dalle ciocche, può danneggiare irreversibilmente i capelli, se sono bagnati o umidi, provocandone la distruzione e la successiva caduta.

Risulta essere quindi necessario asciugare i capelli al naturale o utilizzando il phon, proprio per creare un asciugatura graduale e per preparare la chioma al successivo uso di piastre, arricciacapellii, utilizzo da mettere in atto solo dopo avere cosparso la chioma di protettori termici, reperibili nei negozi per parrucchieri.

Se non avete tempo di fare lo sciampo, piuttosto che mettere in atto manovre così estreme, utilizzate uno sciampo a secco acquistabile in qualsiasi supermercato o profumeria, oppure optate per delle semplici acconciature, una treccia, una coda, adornate la chioma con un fazzoletto, un semplice cerchietto, un cappello, un comodo chignon.

Se avete già lavato i capelli e non sapete come fare, strizzateli bene, mettetevi alla luce e utilizzate un rapido diffusore, che non li asciugherà totalmente ma almeno toglierà l’acqua in eccesso, e magari aggiungete della schiuma per un effetto bagnato molto naturale.

Esistono tuttavia delle piastre che possono essere utilizzate sui capelli bagnati, ma sono costituite da una tecnologia diversa dalle piastre normali, propagano il calore in maniera graduale e uniforme e sopratutto non arrivano alle altissime temperature a cui arrivano le normali piastre per capelli che si trovano in commercio.